L'insegnante valutato


L'insegnante valutato

N. prodotto: 151


Tempi di consegna: 4 giorni lavorativi

22,00
Prezzo comprensivo di IVA


Il progetto VAL.PIU': come valutare le prestazioni dell'insegnante

Autore: Paolo Meazzini
Editore: Vannini Editoria Scientifica
Pagine: 192
Anno: 2007
code: 9788874361229

Il miglioramento della scuola è reso possibile dalla sinergia di numerosi fattori,ognuno dei quali caratterizzato da una diversa e delicata importanza. Primo fra questi è la “qualità educante” dell’insegnante. L’insegnante di qualità fa la differenza, in termini positivi, per quanto riguarda la riuscita del gruppo di allievi che gli sono stati affidati e, cosa ancora più rilevante, la sua influenza si dilata nel tempo, permanendo anche quando è giunto a conclusione il suo rapporto con gli allievi.
Ma purtroppo la differenza la fa anche l’insegnante sprovvisto delle abilità tipiche di questa professione. Ovviamente i risultati prodotti in questo caso avranno un segno negativo, più o meno drammatico. Naturalmente l’influenza esercitata da questo tipo di insegnante permarrà drammaticamente per una durata di tempo talvolta illimitata.
Sono queste fondamentalmente le ragioni per le quali all’insegnante deve essere accordata la massima importanza. Ciò significa essenzialmente dare rilievo a tre elementi decisivi per il raggiungimento della mission educativa.
Il primo di questi è la selezione dell’insegnante. La ragione per la quale il sistema di reclutamento ha un’importanza decisiva sta nel fatto che un insegnante, selezionato in modo inadeguato, avrà poche chance di miglioramento, semplicemente perché non trarrà giovamento dai corsi di formazione cui dovrà partecipare.
Entro i primi due anni di attività deve prendere corpo la valutazione dell’insegnante neoassunto. È questo il secondo elemento decisivo ai fini della mission perseguita dalla scuola. Alla valutazione partecipano le componenti fondamentali della scuola: allievi, genitori, insegnanti ed esperti così come è chiaramente descritto da Paolo Meazzini in questo testo.
Il terzo elemento riguarda le conseguenze prodotte dalla valutazione. Indipendentemente dall’esito della valutazione, è necessario fornire all’insegnante un feedback risultante dalle valutazioni espresse da tutti coloro che vi hanno preso parte. Scopo del feedback è quello di indicare gli aspetti positivi della sua prestazione e quelli inadeguati.
Il merito deve produrre conseguenze positive e il demerito altrettante conseguenze negative. È possibile far ricorso a incentivi di varia natura erogati solo agli insegnanti meritevoli, garantendo a questi un progresso nella loro carriera di insegnante. Per quelli non meritevoli nessun incentivo né alcuna progressione di carriera.
Sono questi gli aspetti di maggior interesse presenti in questo libro che coraggiosamente pone una sfida basata su rigorose fasi scientifiche e culturali a un establishment, quello italiano, che secondo la letteratura internazionale presenta, al fianco di aree di eccellenza, aree di deprecabile arretratezza rispetto ai paesi di pari o superiore livello in termini economici e culturali.

Raccomandiamo inoltre

*
Prezzi comprensivi di IVA

Cerca anche queste categorie: Vetrina Editoria Scientifica, Apprendimento e scuola